Il Mercato Ittico di Milano

Il Mercato Ittico di Milano

Il Mercato Ittico Milanese è in assoluto il più grande d’Italia e in esso arriva il pescato legale proveniente dal Mediterraneo in una % ormai ridotta al 25/30,  mentre tutto il resto giunge dall’Oceano Atlantico e da altre parti del Pianeta. Solo una ventina di anni fà il rapporto fra pescato Mediterraneo e extra era rovesciato ! E’ anche importante sottolineare come nella attuale situazione la quota mediterranea sia in prevalenza proveniente dalla Spagna e scarsamente dalle nostre coste.

La spiegazione di questa realtà è drammaticamente semplice: il consumo di pescato è fortemente aumentato parallelamente all’impoverimento delle nostre risorse e da qui origina la necessita’ di una massiccia importazione dagli Oceani e col caso emblematico della Spagna che mantenendo regole rigide di rispetto della propia biodiversità marina ,riesce addirittura ad esportare in Italia .Non è qui il caso di analizzare/denunciare quello che succede lungo le nostre coste ,ma gli arrivi “nostrani” ormai molto scarsi stanno a dimostrare come siamo riusciti a sperperare una risorsa preziosissima.Lo scenario che si offre al visitatore è comunque allarmante perchè il mercato cerca di soddisfare la continua richiesta di Pesce spada.

File di queste vittime del mare sono deposte a terra  e risulta pure evidente come la taglia stessa di questi pesci si sia significativamente ridotta negli ultimi dieci anni . Anche i Pesci spada originano dalla pesca atlantica spagnola e sono di teglia decisamente maggiore rispetto agli esemplari del nostro meridione. Il Tonno rosso è scarsamente frequente,mentre un pò più presente è il Tonno Pinnagialla. Per quanto ridotti nella taglia media rispetto a una decina di anni fà,diversi sono gli esemplari di Mako che si possono osservare. Molti sono già sezionati a fette e congelati.Per il resto Dentici,Orate,Ombrine ,Triglie non mancano,ma anche in questo caso sono prevalentemente d’origine Atlantica.

La situazione non è diversa anche per Molluschi e Crostacei con qualche sporadica eccezione.Questa sintetica testimonianza  risulta da una visita autorizzata che un gruppo di persone appartenenti a BFGF, ISM,Slow food Milano,Sharklab di Malta, insieme ad alcuni volontari del gruppo locale di Greenpeace Milano,hanno compiuto il 27 settembre di questo anno. Offriamo a testimonianza alcune delle immagini ottenute e ringraziamo il dr Renato Malandra ,amante della vita marina e veterinario di riferimento presso il Mercato Ittico milanese; è lui che con grande disponibilità e competenza ci ha fatto da tutor e guida preziosa durante le ore passate nella struttura.

Le immagini forse drammatiche per alcuni, sono rappresentative del volume di pescato che transita quotidianamente nella struttura comunale ,ma sono solo una parte dei consumi milanesi in quanto la rete di grandi distributori come i supermercati, si approvvigiona indipendentemente.

Comunicato stampa – PESCA – WWF PREOCCUPATO PER LA SORTE DEL PESCE SPADA DEL MEDITERRANEO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *